Gaza flotilla drives Israel into a sea of stupidity: Gideon Levy 2010

mcc43- filistinia  

Gaza flotilla drives Israel
into a sea of stupidity

The Israeli propaganda machine has reached new highs its hopeless frenzy. It has distributed menus from Gaza restaurants, along with false information. It embarrassed itself by entering a futile public relations battle, which it might have been better off never starting. They want to maintain the ineffective, illegal and unethical siege on Gaza and not let the “peace flotilla” dock off the Gaza coast? There is nothing to explain, certainly not to a world that will never buy the web of explanations, lies and tactics.

Only in Israel do people still accept these tainted goods. Reminiscent of a pre-battle ritual from ancient times, the chorus cheered without asking questions. White uniformed soldiers got ready in our name. Spokesmen delivered their deceptive explanations in our name. The grotesque scene is at our expense. And virtually none of us have disturbed the performance.

The chorus has been singing songs of falsehood and lies. We are all in the chorus saying there is no humanitarian crisis in Gaza. We are all part of the chorus claiming the occupation of Gaza has ended, and that the flotilla is a violent attack on Israeli sovereignty – the cement is for building bunkers and the convoy is being funded by the Turkish Muslim Brotherhood. The Israeli siege of Gaza will topple Hamas and free Gilad Shalit. Foreign Ministry spokesman Yossi Levy, one of the most ridiculous of the propagandists, outdid himself when he unblinkingly proclaimed that the aid convoy headed toward Gaza was a violation of international law. Right. Exactly.

It’s not the siege that is illegal, but rather the flotilla. It wasn’t enough to distribute menus from Gaza restaurants through the Prime Minister’s Office, (including the highly recommended beef Stroganoff and cream of spinach soup ) and flaunt the quantities of fuel that the Israeli army spokesman says Israel is shipping in. The propaganda operation has tried to sell us and the world the idea that the occupation of Gaza is over, but in any case, Israel has legal authority to bar humanitarian aid. All one pack of lies.

Only one voice spoiled the illusory celebration a little: an Amnesty International report on the situation in Gaza. Four out of five Gaza residents need humanitarian assistance. Hundreds are waiting to the point of embarrassment to be allowed out for medical treatment, and 28 already have died. This is despite all the Israeli army spokesman’s briefings on the absence of a siege and the presence of assistance, but who cares?

And the preparations for the operation are also reminiscent of a particularly amusing farce: the feverish debate among the septet of ministers; the deployment of the Masada unit, the prison service’s commando unit that specializes in penetrating prison cells; naval commando fighters with backup from the special police anti-terror unit and the army’s Oketz canine unit; a special detention facility set up at the Ashdod port; and the electronic shield that was supposed to block broadcast of the ship’s capture and the detention of those on board.

And all of this in the face of what? A few hundred international activists, mostly people of conscience whose reputation Israeli propaganda has sought to besmirch. They are really mostly people who care, which is their right and obligation, even if the siege doesn’t concern us at all. Yes, this flotilla is indeed a political provocation, and what is protest action if not political provocation?

And facing them on the seas has been the Israeli ship of fools, floating but not knowing where or why. Why detain people? That’s how it is. Why a siege? That’s how it is. It’s like the Noam Chomsky affair all over again, but big time this time. Of course the peace flotilla will not bring peace, and it won’t even manage to reach the Gaza shore. The action plan has included dragging the ships to Ashdod port, but it has again dragged us to the shores of stupidity and wrongdoing. Again we will be portrayed not only as the ones that have blocked assistance, but also as fools who do everything to even further undermine our own standing. If that was one of the goals of the peace flotilla’s organizers, they won big yesterday.

Five years ago, the noted Peruvian writer Mario Vargas Llosa, who is a Jerusalem Prize laureate, after concluding his visit to Israel, said the Israeli occupation was approaching its grotesque phase. Over the weekend Vargas Llosa, who considers himself a friend of Israel, was present to see that that phase has since reached new heights of absurdity.

 

Advertisements

Palestina & Israele: ogni momento sembra cruciale….

mcc43- filistinia  

Una partita ancora aperta

luisa morgantini                               di Luisa Morgantini

 

Israele è una società malata. Ne sono convinta ormai da diversi anni, osservandone i cambiamenti.

Le voci critiche interne ad Israele lo affermano con forza, e non solo Gideon Levy sulle pagine di Haaretz, ma anche personalità come David Grossman, oppure la docente universitaria e premio Sacharov del Parlamento Europeo, Nurit Peled, che in un suo saggio analizza severamente i libri di testo per le scuole israeliane evidenziando il razzismo verso la popolazione palestinese ed il militarismo che permea la società israeliana.

Persone che, come i giovani che si oppongono all’occupazione militare dei territori palestinesi e manifestano contro il muro e l’occupazione, sono considerate dalla maggioranza della popolazione israeliana dei traditori mentre sono invece la salvezza di Israele dal totale collasso morale.

Non ritengo si possa mettere in dubbio che la politica di occupazione militare, il furto delle terre, il tentativo di annullare l’identità e di dominare un altro popolo non ferisca solo il popolo oppresso, ma anche la società dominante. Il razzismo praticato contro il popolo palestinese non ha lasciato indenne la società israeliana, basta vedere le discriminazioni praticate nei confronti degli ebrei provenienti dall’Etiopia, le disparità tra ebrei askenaziti e sefarditi, i conflitti tra le diverse comunità religiose ortodosse…

Il melting pot che aveva caratterizzato i primi decenni della fondazione dello Stato d’Israele, le politiche di eguaglianza sociale, i kibbutz, sono stati sostituiti da un’economia e da politiche liberiste, introdotte dai primi governi di Netanyahu (non così diverse da quelle delle nostre società). Continue reading

Amnesty 50 anni contro i Muri…

mcc43- filistinia                                                                                                                                         Google+

 

Spot ufficiale per il 50 ° anniversario di Amnesty International,  regia di Carlos Lascano, prodotto da Eallin Movimento Arte e vita sognata Studio, con la musica dal premio Oscar Hans Zimmer e Lorne Balfe Nominee.

Official Spot for the 50th anniversary of Amnesty International, directed by Carlos Lascano, produced by Eallin Motion Art and Dreamlife Studio, with Music by Academy Award Winner Hans Zimmer and Nominee Lorne Balfe.

Lady PESC Mogherini “Il mondo non può più affrontare un’altra guerra a Gaza”

mcc43

“It is not only the people of Gaza that can’t afford having a fourth war, all the world cannot afford this,” 

“We cannot just sit and wait. If we sit and wait it will go on for another 40 years. We have to have action now,”

 

said  Federica Mogherini, a former Italian foreign minister who recently took over from Catherine Ashton as the top EU diplomat.

Read more: ‘We need a Palestinian state,’ new EU foreign affairs chief says in Gaza | 

Shlomo Sand su Israele: se è “stato ebraico” non è democratico

mcc43

da

Shlomo Sand on his new book, How I Stopped Being a Jew

link -english article

Shlomo Sand Poiché lo Stato di Israele si dichiara come Stato ebraico, essere Ebreo in Israele è essere una persona privilegiata. Per fare un esempio, se la Gran Bretagna dichiarasse di non essere uno stato di tutti gli inglesi, ma solo degli inglesi cristiani,  essere una persona inglese  e cristiana sarebbe un privilegio. Ci sono un sacco di cittadini che non sono ebrei, e non possono diventarlo. questa è una buona ragione per non considerarmi più in Israele come un Ebreo “.

Eppure, nonostante la sua natura selettiva Israele è spesso presentata come l’unica democrazia in Medio Oriente. Sand sostiene che una cultura politica liberale esiste all’interno di Israele – il fatto che il suo libro  How I Stopped Being a Jew è stato pubblicato lì, ed è diventato un best-seller, ne è la prova. Ma una vera democrazia, non è. Israele non sta cercando il bene dei suoi cittadini, afferma Sand, ma benefici per gli ebrei in tutto il mondo.

Non sono solo i suoi allievi arabo-israeliani a essere cittadini di uno Stato che non appartiene a loro, i Palestinesi nei Territori palestinesi occupati vivono senza diritti politici e civili, dice Sand. “Non sono 47 giorni o settimane o mesi  Sono 47 anni E’ un periodo storico -.. Israele non può essere definita come una democrazia quando mantiene una popolazione senza diritti fondamentali …  La Tunisia può forse diventare la prima democrazia stabile in Medio Oriente . Forse. “

Israele potrebbe iniziare definendo se stesso come uno Stato israeliano, piuttosto che uno stato ebraico, dice Sand, o anche come una repubblica o una monarchia.

Per quanto riguarda i piani a lungo termine per il paese, Sand spiega che “moralmente” preferisce la soluzione di Uno Stato. “Viviamo troppo vicino con i Palestinesi per vivere completamente separati. Non è possibile. Ma politicamente, quando sto pensando a un progetto politico che può progredire in Medio Oriente, non credo nella soluzione di un unico stato. La società ebrea israeliana è una società molto razzista. Diventare  improvvisamente una minoranza nel proprio stato..  non credo che sia possibile. “

Israele a caccia di bambini palestinesi – Hunters of children

mcc43- filistinia  

“E tra i tanti detenuti pestati continuamente e con inaudita crudeltà ci sono tanti bambini. Il video che segue contiene immagini piuttosto forti e se siete facilmente impressionabili ve ne sconsiglio la visione, ma ritengo giusto pubblicarlo perché è una realtà che mai viene denunciata dai media internazionali, complice anche una politica estera dell’UE e di altre Istituzioni internazionali che non è errato definire inadeguata e mediocre. “

Thanks to @LPiersantelli blog

***

Israelis torturing non-Jewish children documentary film full length. Viewer discretion. The still picture shows Palestinian girl Nesreen Hash’hash after being shot in the face by an Israeli soldier. –
Banned from the media journalist Alison Weir explains why this is happening

http://youtu.be/_-UwcVP_k2Y

 

 

 

Google+

“Dite voi se questo è un uomo”

mcc43- filistinia  

 

“DITE VOI SE QUESTO E’ UN UOMO.”

Primo Levi

 

PER QUANTO TEMPO ANCORA SI PERMETTERÀ’ ALLO STATO DI ISRAELE DI TORTURARE LA GENTE DI GAZA E SPORCARE LA MEMORIA
DEL POPOLO EBRAICO?

 

*****

Netanyhau, l’uomo che inizia la guerra e non sa come venirne fuori

 

 

Netanyahu’s self-inflicted Gaza conundrum

 

di Uri Avnery

 

Google+

#GazaNamesProject by Jewish Voice for Peace

mcc43- filistinia  

Le Vittime hanno nomi.
Le Vittime non sono numeri.
I numeri rivelano soltanto: è genocidio!

Victimes have names,
Victims are not numbers.
Numbers only show: it is a genocide!

 

Eminenti personalità, Ebrei, Palestinesi e altri , sostengono la Palestina in questo video con Jonathan Demme, Gloria Steinem, Tony Kushner, Diana Buttu, Chuck D, Eve Ensler, Brian Eno, Roger Waters, Mira Nair, Wallace Shawn, Naomi Klein, Mira Nair, Raj Patel, Noura Erekat e molti altri.
Per saperne di più, visitare freedom4palestine.org, JewishVoiceforPeace.org

Prominent Jews and Palestinians and others stand for Palestine in this heartbreaking video with Jonathan Demme, Gloria Steinem, Tony Kushner, Diana Buttu, Chuck D, Eve Ensler, Brian Eno, Roger Waters, Mira Nair, Wallace Shawn, Naomi Klein, Mira Nair, Raj Patel, Noura Erakat and many others. To learn more or take action, visit freedom4palestine.org, JewishVoiceforPeace.org

 

Google+

La debolezza di Israele nel suo eccesso di forza, di Ennio Remondino

di Ennio Remondino

Gideon Levy
Gideon Levy

[…]Criticare Israele non è mai facile, soprattutto per un non ebreo. L’accusa di antisemitismo ti pende sulla testa come una mannaia. Accusa spesso strumentale e ora aggiornata all’antisionismo. Nell’occuparsi del composito e duttile mondo del pensiero ebraico è sempre utile affidarsi ad una lettura ‘interna’. Un collega che cerco di seguire da sempre con attenzione è Gideon Levy, editorialista e parte della direzione del quotidiano Haaretz. […] Cosa dice Levy questa volta? […] Alcune domande chiave poste in casa israeliana: 1 Pensavamo che i palestinesi avrebbero accettato tutto questo in modo remissivo, obbediente e calmo? 2 Credevamo che Gaza sarebbe vissuta per sempre all’ombra dell’arbitrio di Israele e dell’Egitto alternando momenti di lieve allentamento delle restrizioni imposte ai suoi abitanti a momenti di penoso inasprimento? 3 Credevamo che il carcere più vasto del mondo sarebbe continuato a essere un carcere? 4 Credevamo che centinaia di migliaia di residenti a Gaza sarebbero rimasti tagliati fuori per sempre? 5 Credevamo che sarebbero state bloccate le esportazioni e decretate limitazioni alla pesca? Ma di cosa deve vivere un milione e mezzo di persone? 6 Qualcuno sa spiegare perché prosegue il blocco, benché parziale, di Gaza? Qualcuno sa spiegare perché del suo futuro non si discute mai? 7 Credevamo davvero che tutto sarebbe andato avanti come prima e che Gaza l’avrebbe accettato passivamente? Chiunque lo abbia creduto è stato vittima di un pericoloso delirio. Non ricominciate a gridare che i palestinesi fanno piovere missili sulle città israeliane senza motivo: certi lussi non sono più ammissibili.

viaLa debolezza di Israele nel suo eccesso di forza – Remo contro – La virtù del dubbio – Remo contro – La virtù del dubbio.

Israele e la tecnica del “roof knocking” sulle case di Gaza

mcc43- filistinia                                                                                                                                         Google+

Israeli ‘knock on the roof’ bombing technique
caught on film – Video

 

In questo video, la pratica IDF di sparare un missile contro una casa civile per avvertire gli occupanti di lasciare l’edificio prima di un attacco effettivo. Amnesty International ha denunciato il roof knocking” sostenendo che in nessun modo costituisce un “avviso effettivo”.

vedi Razzi e Scudi umani, le accuse di Israele 

The IDF practice of firing a missile at a civilian home to warn the occupants to leave the building before a larger attack, has been caught on film. Amnesty International has decried “roof knocking,” saying it in no way constitutes an “effective warning.”

See more in Occupied Palestine